Dal 1 novembre 2017 termina l'accordo di collaborazione fra Alessandro Rossi (AlexRed) e HOST S.p.A. (titolare di Joomla.it) la cui maggioranza è di proprietà di Welcome Italia spa.

AlexRed non è più quindi amministratore di Joomla.it, rimane attivo nel team di traduzione e negli altri team di supporto a Joomla su Joomla.org.


Durante la prima edizione del JoomlaFestival c'è stato un confronto organizzato senza alcun preavviso dalla dirigenza dell'associazione JoomlaLombardia, presenti il presidente di OSM (l'ente non governativo con sede a New York che gestisce il progetto Joomla) Sarah Watz ed uno dei fondatori del progetto Joomla Brian Teeman, Alessandro Rossi (AlexRed) e la dirigenza dell'associazione JoomlaLombardia. Ne è nata anche questa discussione riportata pubblica: https://groups.google.com/forum/?hl=IT#!topic/joomla-italian-community/_UnuqCNSJts

A seguito delle ripetute minacce di avviare una azione legale contro Alessandro Rossi per essersi rifiutato di inserire un link sul sito Joomla.it (sito con approvazione per l'uso del nome e logo Joomla) verso il sito dell'associazione JoomlaLombardia (sito all'epoca senza approvazione per l'uso del nome e logo Joomla) la riunione si conclude con la triste promessa che con queste intenzioni e con questo clima il sito Joomla.it sarebbe stato chiuso da Alessandro Rossi.

Dopo alcuni mesi è stato deciso di evitare la chiusura del sito ma ora è cambiato l'intestatario del dominio. Le eventuali azioni legali contro Joomla.it da parte di JoomlaLombardia e OSM non potranno più riferirsi contro Alessandro Rossi.


Il team eventi di Joomla conferma in questo report che dal prossimo anno sarà eliminata la tipologia di evento "Joomla Festival" perchè non coerente con il regolamento. Non possono eliminare l'evento di questo anno perchè già approvato nel 2015. Spero che per il 2017 JoomlaLombardia abbia un minimo di coscienza evitando di chiamare il loro evento come JoomlaDay. Già organizzare un evento Joomla internazionale nello stesso periodo e nalla stessa zona del JoomlaDay Italia comporta gravi problemi organizzativi, se poi il prossimo anno lo chiamano anche loro JoomlaDay diventa tutto ancora più inutilmente complicato e provocatorio.